Per proteggere l'eredità, l'identità e la cultura italiana... 

                                                                 LEONARDO DA VINCI E LA "MACCHINA VOLANTE"...










Leonardo da Vinci è uno dei più famosi artisti della storia. Il suo genio, però, non era solo nella sua arte; Leonardo è stato anche un geniale inventore nel campo dell’ingegneria civile, chimica, idrodinamica, ottica, meccanica, pirotecnica, anatomia e fisica. Egli immaginò molte idee molto prima che la tecnologia per costruirle esistesse realmente , il che significa che molti dei suoi disegni, dagli elicotteri ai veicoli blindati, calcolatrici, scafandri e robot, non si concretizzò mai. Se fossero stati costruiti, potrebbero aver rivoluzionato la storia della tecnologia, ma è chiaro che il mondo non era pronto per da Vinci.

 

Una delle più famose invenzioni di Da Vinci è la macchina volante, anche se ci sono stati infatti molti modelli diversi, per lo più basati sul  del volo dei pipistrelli, aquiloni e uccelli. I suoi disegni rispecchiano i suoi poteri di osservazione e immaginazione, così come il suo vivo desiderio di sperimentare oggetti svettanti come un uccello.

Uno dei modelli di da Vinci consisteva in un telaio di legno con un’apertura alare superiore a 33 piedi (10 metri).Le ali erano coperte in seta fine per ricreare una membrana leggera ma robusta, come le ali di un pipistrello. Il pilota si sarebbe posizionato  a faccia in giù su una tavola al centro. Per alimentare le ali, il pilota doveva pedalare una manovella che si muoveva su una serie di aste e pulegge. Il fatto che le ali sono state progettate per girare come il volo degli uccelli dimostra l’ispirazione di Leonardo dalla natura.

 

C’è una leggenda che Leonardo ha testato la macchina volante con uno dei suoi apprendisti, e che l’apprendista è caduto e si è rotto una gamba.

 

“Il mondo avrebbe dovuto aspettare altri 400 anni circa per una macchina che fosse davvero in grado di volare”, scrive LiveScience . “Nel 1903  i fratelli Wilbur e Orville Wright fecero il loro primo volo con successo in un aereo a motore.”